Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Acalabrutinib e Rituximab come terapia di prima linea per i pazienti anziani con linfoma mantellare: studio clinico di fase II


In precedenza, erano stati riportati i risultati di Ibrutinib con Rituximab nei pazienti anziani con linfoma mantellare ( MCL ) con un tasso di fibrillazione atriale del 22%.
Per sviluppare una combinazione priva di chemioterapia per i pazienti anziani con linfoma mantellare, è stato progettato uno studio clinico di fase II per studiare l'efficacia e la sicurezza di Acalabrutinib ( Calquence ) con Rituximab ( MabThera ) come approccio di prima linea nei pazienti con linfoma mantellare ( età 65 anni o più ).

Sono stati arruolati 50 pazienti precedentemente non-trattati in uno studio clinico di fase II, a braccio singolo, in un'unica Istituzione.
I pazienti hanno ricevuto Acalabrutinib 100 mg per via orale due volte al giorno e Rituximab per via endovenosa, settimanalmente per le prime 4 settimane, seguito da una volta al mese per 12 mesi e successivamente una volta ogni 2 mesi per un totale di 24 mesi. Acalabrutinib è stato continuato.

L'obiettivo primario era valutare il miglior tasso di risposta globale ( ORR ) dopo Acalabrutinib e Rituximab.
Le risposte sono state valutate secondo i criteri di Lugano.
È stata eseguita la valutazione della malattia minima residua ( MRD ) basata su Clonoseq.
Gli eventi avversi sono stati codificati secondo i criteri CTCAE versione 5.

Tra i 50 pazienti, l'età media era di 69 anni ( intervallo: 65–81 ). I maschi / le femmine avevano rispettivamente 36 e 14 anni.
Il midollo osseo era positivo per il linfoma mantellare in 45 pazienti su 50 ( 90% ) e il tratto gastrointestinale in 35/47 ( 74% ) pazienti.
46 pazienti avevano una morfologia classica mentre 3 erano blastoidi e 1 pleomorfo.
I valori di Ki-67% erano disponibili in 42 pazienti: 13/42 ( 31% ) avevano un Ki-67% elevato e 29/42 ( 69% ) avevano un Ki-67% basso ( inferiore a 30% ).
La stratificazione del rischio MIPI semplificata includeva: rischio basso ( n = 4 ), intermedio ( n = 35 ) e alto ( n = 11 ).

Lo stato di aberrazione TP53 ( mutazioni o delezioni ) era disponibile in 43/50 pazienti e 12 pazienti avevano TP53 aberrante mentre 31/43 non avevano TP53 aberrante.
39 pazienti erano stati sottoposti a sequenziamento di nuova generazione ( NGS ) al basale sulla biopsia del tessuto tumorale e 25/39 ( 64% ) avevano 3 o più mutazioni.
Il numero medio di cicli di Acalabrutinib e Rituximab era 12 ( intervallo: 3–24 ).
Un paziente non era valutabile per la risposta a 12 settimane.

Nel complesso, la risposta migliore è stata: 94% tasso di risposta completa [ ORR ] e del 90% risposta completa [ CR ], 4% risposta parziale [ PR ]; il 6% erano non-responder.

Il numero mediano di cicli per ottenere una risposta metabolica completa è stato di 3 ( intervallo 2–7 ).

14 pazienti erano negativi per malattia minima residua [ MRD ] all'ultimo follow-up dei 28 pazienti valutabili.

Con un follow-up mediano di 14 mesi, la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale mediane non sono state raggiunte ( rispettivamente 92% e 96% a 2 anni ).

La sopravvivenza senza progressione e la sopravvivenza globale mediane non sono state raggiunte e non erano significativamente differenti nei pazienti con Ki alto e basso pari al 67%, o con / senza aberrazioni TP53, o tra i pazienti con categorie a rischio basso, medio o alto.

9 pazienti ( 18% ) sono usciti dallo studio: 3 per eventi avversi ( sincope, fibrillazione atriale, intolleranza ), 3 per progressione della malattia, recidiva di melanoma, 1 per scelta del paziente, e 1 con una monocitosi insolita.

Complessivamente sono morti 2 pazienti ( 1 nel corso dello studio con progressione primaria ).

Le tossicità più comuni di tutti i gradi erano: affaticamento ( 82% ), mialgia ( 64% ), cefalea ( 38% ), lividi ( 28% ), e meno dell'1% erano di grado 3 o superiore.

Su 50 pazienti, 1 paziente ha manifestato una recidiva di fibrillazione atriale di grado 2 ( 2% ) e 1 paziente ha presentato una recidiva di angina instabile di grado 3.

In conclusione, la terapia di prima linea senza chemioterapia con Acalabrutinib e Rituximab è altamente efficace e sicura, e ha indotto una risposta completa precoce nei pazienti anziani con linfoma mantellare. ( Xagena2023 )

P. Jain et al, Hematological Oncology Vol 41: 17th International Conference on Malignant Lymphoma 2023

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro