Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Associazione tra insufficienza cardiaca preesistente ed esiti nei pazienti anziani affetti da linfoma diffuso a grandi cellule B


I regimi contenenti antracicline sono altamente efficaci per il linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ); tuttavia, i pazienti con insufficienza cardiaca preesistente possono avere meno probabilità di ricevere antracicline e possono essere esposti a un rischio più elevato di mortalità per linfoma.

È stata valutata la prevalenza di preesistente insufficienza cardiaca nei pazienti anziani affetti da linfoma diffuso a grandi cellule B e la sua associazione con i modelli di trattamento e gli esiti.

Uno studio di coorte longitudinale ha utilizzato i dati del registro Surveillance, Epidemiology, and End Results ( SEER )-Medicare dal 1999 al 2016.
Il registro SEER è un sistema di registri dei tumori basati sulla popolazione, che cattura oltre il 25% dei casi della popolazione statunitense.

Questo studio ha incluso individui di età pari o superiore a 65 anni con linfoma diffuso a grandi cellule B di nuova diagnosi dal 2000 al 2015 con Medicare Parte A o B ininterrottamente nell'anno precedente alla diagnosi di linfoma.
I dati sono stati analizzati nel periodo 2020-2022.

L'insufficienza cardiaca preesistente nell'anno precedente alla diagnosi di linfoma diffuso a grandi cellule B richiedeva uno dei seguenti eventi: 1 diagnosi primaria di dimissione ospedaliera, 2 diagnosi ambulatoriali, 3 diagnosi secondarie di dimissione ospedaliera, 3 diagnosi di reparto di emergenza, oppure 2 diagnosi secondarie di dimissione ospedaliera più 1 diagnosi ambulatoriale.

L'esito primario era il trattamento a base di antracicline. Gli esiti secondari erano farmaci cardioprotettivi e mortalità causa-specifica. Le associazioni tra insufficienza cardiaca preesistente e trattamento del tumore sono state stimate utilizzando la regressione logistica multivariata.

Le associazioni tra insufficienza cardiaca preesistente e mortalità causa-specifica sono state valutate utilizzando modelli a rischi proporzionali di Cox causa-specifici con aggiustamento per comorbilità e trattamento del tumore.

Dei 30.728 pazienti inclusi con linfoma diffuso a grandi cellule B, 15.474 ( 50.4% ) erano donne e l'età media era di 77.8 anni.
Una preesistente insufficienza cardiaca alla diagnosi di linfoma era presente in 4.266 pazienti ( 13.9% ).

I pazienti con insufficienza cardiaca preesistente avevano meno probabilità di essere trattati con un'antraciclina ( odds ratio, OR=0.55 ).

Tra i pazienti con insufficienza cardiaca preesistente che hanno ricevuto un'antraciclina, sono stati utilizzati Dexrazoxano o Doxorubicina liposomiale in 78 pazienti su 1.119 ( 7.0% ).

La mortalità per linfoma a 1 anno è stata del 41.8% con insufficienza cardiaca preesistente e del 29.6% senza insufficienza cardiaca preesistente.

L’insufficienza cardiaca preesistente è stata associata a una maggiore mortalità per linfoma nei modelli aggiustati per fattori di trattamento al basale e variabili nel tempo ( hazard ratio, HR=1.24 ).

In questo studio, l’insufficienza cardiaca preesistente nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B di nuova diagnosi era comune, ed è stata associata a un minore utilizzo di antracicline e a un minore utilizzo di qualsiasi chemioterapia.
Sono necessari studi per questa popolazione ad alto rischio. ( Xagena2023 )

Upshaw JN et al, JAMA Cardiol 2023; 8: 453-461

Cardio2023 Emo2023 Onco2023



Indietro