Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti Linfoma mantellare

Brentuximab vedotin con chemioterapia nel linfoma di Hodgkin pediatrico ad alto rischio


Negli adulti con linfoma di Hodgkin in stadio avanzato, il coniugato anticorpo-farmaco anti-CD30 Brentuximab vedotin ( Adcetris ) combinato con la chemioterapia multiagente ha dimostrato di avere una maggiore efficacia, ma anche effetti più tossici, rispetto alla sola chemioterapia.
L'efficacia di questo approccio terapeutico mirato nei bambini e negli adolescenti con linfoma di Hodgkin non è ben definita.

È stato condotto uno studio di fase 3 in aperto, multicentrico, randomizzato che ha coinvolto pazienti di età compresa tra 2 e 21 anni con linfoma di Hodgkin di stadio IIB non-trattato in precedenza con massa tumorale bulk o in stadio IIIB, IVA o IVB.

I pazienti sono stati assegnati a ricevere cinque cicli di 21 giorni di Brentuximab vedotin con Doxorubicina, Vincristina, Etoposide, Prednisone e Ciclofosfamide ( gruppo Brentuximab vedotin ) o il regime pediatrico standard di Doxorubicina, Bleomicina, Vincristina, Etoposide, Prednisone e Ciclofosfamide ( gruppo di cura standard ).

Lesioni a risposta lenta, definite da un punteggio di 4 o 5 ( su una scala a 5 punti, con punteggi da 1 a 3 che indicano lesioni a risposta rapida ), sono state identificate alla tomografia computerizzata con tomografia a emissione di positroni rivista centralmente dopo due cicli.

La radioterapia del sito coinvolto è stata somministrata dopo il quinto ciclo di terapia alle lesioni a risposta lenta e alla grande adenopatia mediastinica che era presente alla diagnosi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi, definita come il tempo al verificarsi di progressione della malattia, recidiva, sviluppo di una seconda neoplasia maligna o morte del paziente.
Sono state valutate la sicurezza e la sopravvivenza globale.

Dei 600 pazienti arruolati in 153 Istituti, 587 erano idonei.

A un follow-up mediano di 42.1 mesi, la sopravvivenza libera da eventi a 3 anni è stata del 92.1% nel gruppo Brentuximab vedotin, rispetto a 82.5% nel gruppo di cure standard ( hazard ratio per evento o morte, HR=0.41; P minore di 0.001 ).

La percentuale di pazienti che hanno ricevuto radioterapia del sito interessato non differiva sostanzialmente tra il gruppo Brentuximab vedotin e il gruppo di cure standard ( rispettivamente 53.4% e 56.8% ).
Gli effetti tossici sono stati simili nei due gruppi.

La sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 99.3% nel gruppo Brentuximab vedotin e del 98.5% nel gruppo di cura standard.

L'aggiunta di Brentuximab vedotin alla chemioterapia standard ha portato a un'efficacia superiore, con un rischio inferiore del 59% di un evento o morte e nessun aumento dell'incidenza di effetti tossici a 3 anni. ( Xagena2022 )

Castellino SM et al, N Engl J Med 2022; 387: 1649-1660

Emo2022 Onco2022 Pedia2022 Farma2022



Indietro