Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Brentuximab vedotin più Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina per linfoma di Hodgkin: incidenza e gestione della neuropatia periferica


Brentuximab vedotin ( BV; Adcetris ) in combinazione con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina ( AVD ) è sempre più utilizzato per il trattamento di prima linea del linfoma di Hodgkin classico allo stadio III/IV.

La neuropatia periferica ( PN ) è l’effetto collaterale più comune e limitante il trattamento osservato negli studi clinici, ma non è stata studiata in un contesto non-sperimentale, in cui i medici possono avere strategie diverse per gestirla.

È stato condotto uno studio retrospettivo multicentrico per caratterizzare la neuropatia periferica nei pazienti che hanno ricevuto Brentuximab vedotin in combinazione con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina per il linfoma di Hodgkin classico di nuova diagnosi.

Erano ammissibili 153 pazienti provenienti da 10 Centri statunitensi. 34 pazienti ( 22% ) avevano almeno 1 criterio di non-ammissibilità per ECHELON-1, inclusi stadio, performance status e comorbilità.
La neuropatia periferica è stata segnalata dall'80% dei pazienti durante il trattamento; con grado 1 per il 39%, grado 2 per il 31% e grado 3 per il 10%.

In totale, il trattamento con Brentuximab vedotin è stato modificato nel 44% dei pazienti a causa della neuropatia periferica che ha portato alla sospensione di Brentuximab vedotin nel 23%, alla riduzione della dose nel 17% e alla sospensione temporanea nel 4% dei pazienti.

Con un follow-up mediano di 24 mesi, la risoluzione della neuropatia periferica è stata documentata nel 36% e un miglioramento nel 33% all'ultimo follow-up.

La sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 2 anni per i pazienti in stadio avanzato è stata dell’82.7% e la sopravvivenza globale è stata del 97.4%.
I pazienti che hanno interrotto Brentuximab vedotin a causa della neuropatia periferica non hanno presentato una più bassa sopravvivenza libera da progressione.

Nel contesto non-sperimentale, Brentuximab vedotin più Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina è risultato associato ad un'alta incidenza di neuropatia periferica.

Nella coorte oggetto di studio, che ha compreso pazienti che non sarebbero stati eleggibili per lo studio registrativo ECHELON-1, i tassi di interruzione di Brentuximab vedotin sono stati più alti di quanto riportato in precedenza, ma i risultati a 2 anni rimangono comparabili. ( Xagena2023 )

Bowers JT et al, Blood Adv 2023; 7: 6630-6638

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro