Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Doppio targeting di CD19 e CD22 con cellule CAR-T bicistroniche nei pazienti con linfoma a grandi cellule B recidivato / refrattario


La recidiva dopo la terapia con cellule T del recettore chimerico dell'antigene diretto a CD19 ( CAR-T ) per il linfoma a grandi cellule B ( LBCL ) è comunemente attribuita alla perdita dell'antigene o all'esaurimento delle CAR-T.

Il targeting multiantigenico e il blocco di PD-1 sono approcci razionali per prevenire le recidive.
È stato testato il dual-targeting CAR-T CD19/22 ( AUTO3 ) più Pembrolizumab nel linfoma a grandi cellule B recidivato / refrattario.

Gli endpoint includevano tossicità ( primario ) e tassi di risposta ( secondario ).

In tutto 52 pazienti hanno ricevuto AUTO3 e 48 su 52 hanno ricevuto Pembrolizumab.

L'età mediana era di 59 anni, 46 su 52 avevano una malattia in stadio III/IV e il follow-up mediano è stato di 21.6 mesi.

AUTO3 è risultato sicuro; la sindrome da rilascio di citochine di grado 1-2 e di grado 3 ha colpito 18 su 52 ( 34.6% ) e 1 su 52 ( 1.9% ) pazienti; la neurotossicità si è manifestata in 4 pazienti ( 2/4, grado 3-4), e la linfoistiocitosi emofagocitica ha colpito 2 pazienti.

La somministrazione ambulatoriale è stata testata su 20 pazienti, risparmiando una mediana di 14 giorni di degenza per paziente.
I tassi di risposta complessivi sono stati del 66% ( 48.9%, risposta completa CR; 17%, risposta parziale ).

La durata mediana della remissione ( DOR ) per i pazienti con risposta completa non è stata raggiunta e per tutti i pazienti che hanno risposto è stata di 8.3 mesi.
Si prevedeva che il 54.4% dei pazienti con risposta completa e il 42.6% di tutti i pazienti che avevano risposto rimanessero liberi da progressione a 12 mesi e oltre.

AUTO3 con o senza Pembrolizumab per il linfoma a grandi cellule B recidivato / refrattario è stato sicuro e ha prodotto remissioni durature nel 54.4% dei responder completi, associate a una robusta espansione di CAR-T.

Né il dual-targeting di CAR-T né Pembrolizumab hanno prevenuto le recidive in una percentuale significativa di pazienti, e gli sviluppi futuri includono AUTO3 di nuova generazione, progettato per un'espansione superiore in vivo e la selezione di leganti CAR attivi a basse densità di antigene. ( Xagena2023 )

Roddie C et al, Blood 2023; 141: 2470-2482

Emo2023 Onco2023 Med2023 Farma2023



Indietro