Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Ibrutinib con Rituximab nel trattamento di prima linea dei pazienti anziani con linfoma mantellare


La maggior parte dei pazienti con linfoma mantellare ( MCL ) è anziana. Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di una combinazione senza chemioterapia con Ibrutinib ( Imbruvica ) e Rituximab ( MabThera ) nei pazienti anziani con linfoma mantellare ( età maggiore o uguale a 65 anni ) non-trattati in precedenza.

Sono stati arruolati 50 pazienti con linfoma a cellule mantellari in uno studio clinico di fase II a braccio singolo, in un singolo centro.
Sono stati esclusi i pazienti con Ki-67 maggiore o uguale al 50% e morfologia blastoide.
Ibrutinib è stato somministrato con Rituximab fino a 2 anni con continuazione del solo Ibrutinib.

L'obiettivo principale era valutare il tasso di risposta globale e la sicurezza di Ibrutinib e Rituximab.
Nei campioni valutabili, sono stati eseguiti il ​​sequenziamento dell'intero esoma e il sequenziamento dell'RNA bulk da campioni di tessuto basale.

L'età mediana era di 71 anni. Il 16% dei pazienti presentava un indice prognostico internazionale semplificato del linfoma mantellare ad alto rischio.

Ki-67 è risultato basso ( inferiore al 30% ) in 38 pazienti ( 76% ) e moderatamente alto ( superiore o uguale al 30-50%) in 12 ( 24% ).
Il miglior tasso di risposta globale è stato del 96% ( 71% di risposta completa ).

Dopo un follow-up mediano di 45 mesi, 28 pazienti ( 56% ) sono usciti dallo studio per vari motivi ( tra cui 4 per progressione, 21 per tossicità e 3 per motivi vari ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) non sono state raggiunte e la sopravvivenza a 3 anni è risultata rispettivamente dell'87% e del 94%.

Nessuno dei pazienti è morto durante la terapia in studio. In particolare, 11 pazienti ( 22% ) presentavano fibrillazione atriale di grado 3.
Una mielosoppressione di grado 3-4 è stata osservata in meno del 5% dei pazienti.
Sovraespressione differenziale di CCND1, BIRC3, BANK1, SETBP1, AXIN2 e IL2RA è stata osservata nei responder parziali rispetto ai pazienti con risposta completa.

La combinazione di Ibrutinib e Rituximab è efficace nei pazienti anziani con linfoma mantellare. La valutazione di base per i rischi cardiovascolari è altamente raccomandata.
Per le conclusioni definitive è necessario uno studio randomizzato. ( Xagena2022 )

Jain P et al, J Clin Oncol 2022; 40: 202-212

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro