Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Il follow-up a 5 anni di ZUMA-1 supporta il potenziale curativo di Axicabtagene ciloleucel nel linfoma refrattario a grandi cellule B


Nella fase 2 di ZUMA-1, uno studio di registrazione a braccio singolo, multicentrico, la terapia con cellule autologhe T del recettore chimerico dell’antigene ( CAR-T ) Axicabtagene ciloleucel ( Yescarta ) anti-CD19 ha dimostrato risposte durature a 2 anni in pazienti con linfoma a grandi cellule B ( LBCL ) refrattario.

Sono stati valutati gli esiti in ZUMA-1 dopo 5 anni di follow-up. Gli adulti idonei hanno ricevuto chemioterapia linfodepletiva seguita da Axicabtagene ciloleucel ( 2 x 106 cellule per kg ).

La risposta, la sopravvivenza, la sicurezza e la farmacocinetica valutate dallo sperimentatore sono state esaminati nei pazienti che avevano ricevuto il trattamento.

Il tasso di risposta obiettiva in questi 101 pazienti è stato dell'83% ( tasso di risposta completa del 58% ); con un follow-up mediano di 63.1 mesi, le risposte erano in corso nel 31% dei pazienti al cutoff dei dati.

La sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 25.8 mesi e il tasso stimato di sopravvivenza globale a 5 anni è stato del 42.6%.
La sopravvivenza specifica per malattia ( esclusi i decessi non-correlati alla progressione della malattia ) stimata a 5 anni è stata del 51.0%.

Non sono stati osservati nuovi eventi avversi gravi o decessi correlati ad Axicabtagene ciloleucel dopo un ulteriore follow-up.
Le cellule B del sangue periferico sono state rilevabili in tutti i pazienti valutabili a 3 anni con recupero di cellule B policlonali nel 91% dei pazienti.

Le risposte in corso a 60 mesi sono state associate all'espansione precoce delle cellule CAR-T.

In conclusione, questa analisi di follow-up a 5 anni di ZUMA-1 ha dimostrato una sopravvivenza complessiva e specifica per malattia sostenuta, senza nuovi segnali di sicurezza nei pazienti con linfoma a grandi cellule B refrattario.
L'aplasia prolungata delle cellule B non è stata necessaria per le risposte durature.
Questi risultati supportano il potenziale curativo di Axicabtagene ciloleucel in un sottogruppo di pazienti con linfomi a cellule B aggressivi. ( Xagena2023 )

Neelapu SS et al, Blood 2023; 141: 2307-2315

Emo2023 Onco2023 Med2023 Farma2023



Indietro