Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Impatto clinico di Ibrutinib più R-CHOP nel linfoma diffuso a grandi cellule B non-trattato che co-esprime BCL2 e MYC nello studio di fase 3 PHOENIX


Il linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ), con un'elevata co-espressione delle proteine BCL2 e MYC ( linfoma DE ), è considerato un indicatore prognostico avverso associato principalmente al linfoma diffuso a grandi cellule B non-GCB.

La sovraespressione di BCL2/MYC è associata all'attivazione della via del recettore delle cellule B ( BCR ); di conseguenza, il linfoma diffuso a grandi cellule B DE può essere sensibile agli inibitori del recettore delle cellule B.

Si è valutato se l'elevata co-espressione di BCL2/MYC mediante il sequenziamento dell'RNA possa identificare un sottogruppo di pazienti responsivi a Ibrutinib ( Imbruvica ) utilizzando biopsie al basale dello studio PHOENIX, che ha valutato l'aggiunta di Ibrutinib a Rituximab, Ciclofosfamide, Doxorubicina, Vincristina e Prednisone ( R-CHOP ) nel linfoma diffuso a grandi cellule B non-GCB, non-trattato.

L'espressione dell'RNA BCL2/MYC è risultata correlata alla sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) e alla sopravvivenza globale ( OS ) inferiori utilizzando le stime di Kaplan-Meier con regressione di Cox e test log-rank.

In totale, 234 pazienti su 766 ( 30.5% ) presentavano un'elevata co-espressione di BCL2/MYC: 123 su 386 ( 31.9% ) hanno ricevuto Ibrutinib più R-CHOP e 111 su 380 ( 29.2% ) hanno ricevuto R-CHOP.

La sopravvivenza libera da eventi è risultata superiore con Ibrutinib più R-CHOP rispetto al solo R-CHOP nei pazienti con elevata co-espressione di BCL2/MYC, ma non vi è stato alcun impatto significativo sulla sopravvivenza globale.

Tuttavia, la sopravvivenza libera da eventi e la sopravvivenza globale hanno mostrato un miglioramento clinicamente significativo con Ibrutinib più R-CHOP rispetto al solo R-CHOP nei pazienti di età inferiore a 60 anni con elevata co-espressione di BCL2/MYC.

È stata osservata un'associazione significativa tra un'elevata co-espressione di BCL2/MYC e sottotipi di linfoma diffuso a grandi cellule B ABC ( activated B-cell-like ) e con mutazioni MYD88 L265P/CD79B.

Di conseguenza, l'elevata co-espressione di BCL2/MYC ha identificato un sottogruppo di linfoma diffuso a grandi cellule B non-GCB che potrebbe rispondere preferenzialmente a Ibrutinib e richiede ulteriori indagini. ( Xagena2023 )

Johnson PWM et al, Blood Adv 2023; 7: 2008-2017

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro