Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Linfoma a cellule mantellari: remissioni nel lungo periodo con Lenalidomide e Rituximab


Uno studio di fase 2 ha mostrato che la combinazione di Lenalidomide ( Revlimid ) e Rituximab ( MabThera ) come trattamento di prima linea per il linfoma a cellule mantellari ( MCL ) sia nei pazienti più anziani che in quelli più giovani ha prodotto tassi elevati di risposte complete ( CR ) con remissioni durevoli, estendendosi oltre i 7 anni in alcuni casi.

Un approccio privo di chemioterapia utilizzando agenti biologici potrebbe offrire un controllo altrettanto efficace della malattia, offrendo un diverso profilo di tossicità.

I pazienti hanno ricevuto sia Lenalidomide che Rituximab durante l'induzione e il mantenimento ( 12 cicli di induzione con Lenalidomide a 20 mg/die, giorni 1-21 per ciclo di 28 giorni seguiti da 15 mg come mantenimento, e Rituximab settimanalmente durante il ciclo 1, quindi 1 dose ogni due cicli ) fino a progressione della malattia o a interruzione della terapia ( opzionale dopo 3 anni ).

L'endpoint principale era il tasso di risposta globale ( ORR ), mentre gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Nel periodo 2011-2014, sono stati arruolati nello studio un totale di 38 pazienti, non-trattati, con massa tumorale pari o superiore a 1.5 cm.
La maggior parte dei pazienti erano uomini ( 71% ) e l'età mediana era di 65 anni ( 42-86 ).
I punteggi dell'indice prognostico internazionale ( MIPI ) del linfoma a cellule mantellari erano approssimativamente uguali tra i gruppi a rischio basso ( 34% ), intermedio ( 34% ) e alto ( 32% ).

Tra i pazienti valutabili ( n = 36 ), il tasso di risposta globale è stato del 92% ( risposta completa: 64%; risposta parziale: 28% ).
In totale, 19 pazienti ( 53% ) sono ancora in remissione, inclusi 12 pazienti ( 33% ) che sono in remissione da almeno 7 anni.
Dei pazienti in remissione, 10 ( 27% ) sono rimasti in trattamento: 1 paziente con Lenalidomide, 2 pazienti con Lenalidomide / Rituximab e 7 pazienti con Rituximab.

A causa degli effetti collaterali o delle preferenze del paziente, 9 pazienti hanno deciso di interrompere la terapia dopo 3 o più anni.

Dei 14 pazienti con progressione della malattia, 3 pazienti avevano una malattia refrattaria primaria, mentre 11 pazienti hanno manifestato una recidiva durante la fase di mantenimento ( 8/11 sono deceduti ).
Prima della ricaduta, 5 di questi pazienti avevano raggiunto una risposta completa con una sopravvivenza senza progressione compresa tra 18 e 72 mesi, mentre 6 pazienti avevano raggiunto una risposta parziale con sopravvivenza senza progressione compresa tra 14 e 92 mesi.
Inoltre, 3 pazienti sono deceduti a causa di comorbidità non-correlate.

La sopravvivenza PFS e la sopravvivenza OS mediane non sono state raggiunte.
Il tasso stimato di sopravvivenza senza progressione a 7 anni era del 60.3% ( IC 95%, 41.1-75.0 ), mentre il tasso stimato di sopravvivenza globale a 7 anni era del 73.2% ( IC 95%, 55.9-84.6 ).
I pazienti con punteggio MIPI a rischio basso / intermedio ( minore o uguale a 6.2 ) hanno presentato un aumento della sopravvivenza globale a 7 anni rispetto a quelli con un punteggio MIPI ad alto rischio ( 80.6% vs 57.1%; log-rank P = 0.04 ).

Durante il mantenimento, gli eventi avversi ematologici di grado da 3 a 4 includevano: neutropenia ( 42% ), trombocitopenia ( 5% ), anemia ( 3% ) e neutropenia febbrile ( 5% ).
Le infezioni di grado 3-4 comprendevano: infezione delle vie respiratorie superiori ( 3% ), infezione del tratto urinario ( 5% ), sinusite ( 3% ), cellulite ( 3% ) e polmonite ( 5% ).

Gli eventi avversi non-ematologici durante il mantenimento ( qualsiasi; grado 3-4 ) includevano: affaticamento ( 55%; 3% ), iperglicemia ( 58%; 3% ), elevati valori di alanina aminotransferasi ( 29%; 5% ) e di aspartato aminotransferasi ( 37%; 8% ) e ipogammaglobulinemia ( 5%; 5% ).

Neoplasie secondarie si sono sviluppate in 8 pazienti sia durante l'induzione che / o il mantenimento ( 10 tumori cutanei, 1 tumore pancreatico e 1 tumore a cellule di Merkel ).

Nel complesso, questi dati a lungo termine giustificano ulteriori studi sulla combinazione di Lenalidomide e Rituximab come terapia iniziale per il linfoma a cellule mantellari. ( Xagena2020 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Virtual Meeting, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020



Indietro