Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Nivolumab in combinazione con Brentuximab vedotin per il linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario: follow-up a 3 anni


I pazienti con linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario ( R/R PMBL ) hanno scarse risposte alla terapia di salvataggio.

Nivolumab ( Opdivo ) e Brentuximab vedotin ( Adcetris ) hanno mostrato un’efficacia precoce promettente nei pazienti con linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario nello studio multicentrico di fase 1/2 in aperto CheckMate 436.

Sono stati riportati i risultati di sicurezza e di efficacia con un follow-up di 3 anni.

I pazienti idonei avevano un'età maggiore o uguale a 15 anni con linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario precedentemente trattati con chemioterapia ad alte dosi più trapianto autologo di cellule ematopoietiche ( HCT ) o 2 o più precedenti chemioterapie multiagente e avevano punteggi ECOG performance status compresi tra 0 e 1 ed espressione di CD30 maggiore o uguale all’1%.

I pazienti sono stati trattati con Nivolumab 240 mg e Brentuximab vedotin 1.8 mg/kg una volta ogni 3 settimane fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ); gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta completa ( CR ), la durata della risposta ( DoR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ).

La sicurezza è stata monitorata ovunque. Al momento della chiusura definitiva del database nel marzo 2022, 29 pazienti avevano ricevuto Nivolumab più Brentuximab vedotin; il follow-up mediano è stato di 39.6 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva valutato dallo sperimentatore è stato del 73.3%; il tempo mediano alla risposta è stato di 1.3 mesi. La sopravvivenza libera da progressione mediana era di 26.0 mesi; la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta.

I tassi di sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale a 24 mesi sono stati rispettivamente del 55.5% e del 75.5%.

L’evento avverso correlato al trattamento di grado 3/4 più frequente è stata la neutropenia.

In tutto 12 pazienti hanno ricevuto il trapianto autologo di cellule ematopoietiche consolidativo, con un tasso di risposta completa a 100 giorni del 100.0%.

Questo follow-up di 3 anni ha mostrato un’efficacia a lungo termine per Nivolumab più Brentuximab vedotin nel linfoma primario a grandi cellule B del mediastino recidivante / refrattario, senza nuovi segnali di sicurezza. ( Xagena2023 )

Zinzani PL et al, Blood Adv 2023; 7: 5272-5280

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro