Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Pembrolizumab dopo trapianto autologo di cellule staminali nei pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule T


Il trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) è spesso utilizzato come consolidamento per diversi sottotipi di linfoma periferico a cellule T ( PTCL ) in prima remissione.

Tuttavia, molti pazienti presentano recidive dopo trapianto autologo di cellule staminali e hanno una prognosi molto sfavorevole.

Non esistono opzioni terapeutiche approvate per il mantenimento o il consolidamento post-trapianto nel linfoma periferico a cellule T.
Il blocco di PD-1 ha dimostrato una certa efficacia per i pazienti con linfoma periferico a cellule T.

È stato quindi condotto uno studio multicentrico di fase 2 sull'anticorpo monoclonale anti-PD-1 Pembrolizumab ( Keytruda ) dopo trapianto autologo di cellule staminali nei pazienti con linfoma periferico a cellule T in prima remissione.

Pembrolizumab è stato somministrato alla dose di 200 mg per via endovenosa ogni 3 settimane per un massimo di 8 cicli entro 21 giorni dalla dimissione post-trapianto autologo di cellule staminali ( ed entro 60 giorni dall'infusione di cellule staminali ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) 18 mesi dopo il trapianto autologo di cellule staminali.

21 pazienti sono stati trattati in questo studio e il 67% ( n=14 ) ha completato 8 cicli di trattamento.

Tra tutti i pazienti valutabili, 13 su 21 erano vivi e avevano raggiunto la sopravvivenza libera da progressione 18 mesi dopo il trapianto autologo di cellule staminali, soddisfacendo l'endpoint primario dello studio.

La sopravvivenza libera da progressione stimata a 18 mesi è stata dell’83.6% e la sopravvivenza globale del 94.4%.

Il profilo di tossicità è stato coerente con il profilo di tossicità noto di Pembrolizumab, senza tossicità di grado 5.

In conclusione, il blocco di PD-1 dopo trapianto autologo di cellule staminali con Pembrolizumab è fattibile con un profilo di sicurezza favorevole e un’attività promettente, supportando ulteriori studi di conferma. ( Xagena2023 )

Merrill MH et al, Blood 2023; 142: 621-628

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro