Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Janssen Oncology

Polatuzumab Vedotin per i pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato / refrattario fortemente pretrattati: dati real-world


Un nuovo studio ha confermato l'efficacia e la sicurezza di Polatuzumab vedotin ( Polivy ) per il trattamento dei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato / refrattario ( DLBCL R/R ) in contesti reali.

I pazienti con linfoma DLBCL R/R che non rispondono o che vanno incontro a recidiva dopo 2 o più regimi di trattamento hanno esiti molto sfavorevoli.
I regimi terapeutici esistenti hanno portato a tassi di sopravvivenza globale ( OS ) da 4 a 6 mesi, lasciando un divario significativo di necessità cliniche insoddisfatte.
Il coniugato anticorpo-farmaco Polatuzumab vedotin ha mostrato segnali promettenti che potrebbero aiutare a colmare questa lacuna.

In uno studio di fase 1 nei pazienti con tumori maligni dei linfociti B, Polatuzumab vedotin in monoterapia ha mostrato risposte obiettive in più della metà ( 14 su 25 ) dei pazienti con linfoma DLBCL, pesantemente pretrattati.
Un recente studio ha mostrato che la combinazione Polatuzumab vedotin-BR ( Bendamustina - Rituximab ) aveva tassi di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e di sopravvivenza globale superiori rispetto al confronto diretto con la combinazione Bendamustina e Rituximab ( BR ) nei pazienti con linfoma DLBCL R/R.

L'obiettivo di un nuovo studio è stato quello di verificare se questi dati positivi reggevano in contesti del mondo reale.
Per fare ciò, hanno estratto i dati da 14 Centri medici israeliani in cui 47 pazienti pesantemente pretrattati con linfoma DLBCL R/R avevano ricevuto Polatuzumab vedotin come parte di un programma di uso compassionevole.
Il trattamento è stato somministrato nel periodo 2018-2019 e tutti i pazienti avevano almeno 18 anni di età, con 2 o più precedenti linee di terapia e almeno 1 ciclo di terapia a base di Polatuzumab vedotin.
Tra i 47 pazienti, 28 sono stati trattati con Polatuzumab vedotin-BR e 4 sono stati trattati con Polatuzumab vedotin in combinazione con Bendamustina senza Rituximab ( Polatuzumab vedotin-B ). I restanti 15 pazienti sono stati trattati con Polatuzumab vedotin e Rituximab ma non con Bendamustina ( Polatuzumab vedotin-R ).

Nella popolazione complessiva dello studio, l'età mediana era di 66.1 anni ( intervallo interquartile [ IQR ], 60.4-78.8 ).
Nei pazienti trattati con Polatuzumab vedotin-B ± R, l'età mediana era di 66.3 anni ( IQR, 36.9-76.7 ) e tra quelli trattati con Polatuzumab vedotin-R, l'età mediana era di 65 anni ( IQR, 56.7-83.5 ).
Sono stati esclusi i pazienti se avevano un coinvolgimento del sistema nervoso centrale o una trasformazione di Richter.

La dose mediana di Bendamustina per ciclo è stata di 85 mg/m2 nei pazienti che ricevevano Polatuzumab vedotin-B con o senza Rituximab.
I pazienti del gruppo Polatuzumab vedotin-B ± R avevano una mediana di 4 cicli di trattamento; quelli che hanno ricevuto Polatuzumab vedotin-R hanno avuto una mediana di 5 cicli di trattamento.

Venticinque pazienti hanno ricevuto il fattore stimolante le colonie granulocitarie ( G-CSF ) per prevenire la neutropenia e 16 pazienti hanno interrotto precocemente il trattamento, per lo più ( 12 casi ) a causa di progressione della malattia.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato pari al 61% nella popolazione complessiva, con il 40% che ha ottenuto risposte complete ( CR ) e il 21% ha ottenuto risposte parziali.
Nei due gruppi di pazienti che hanno ricevuto Polatuzumab vedotin-B ± R, il tasso ORR è stato rispettivamente del 62.5% e del 37.5%.
Il gruppo Polatuzumab vedotin-R ha raggiunto un tasso ORR del 60% con risposta completa nel 47% dei pazienti.

La sopravvivenza globale era una mediana di 8.3 mesi ( IQR, 5.4-14.8 ) e la sopravvivenza senza progressione mediana è stata di 5.6 mesi ( IQR, 2.97-7.97 ).
I pazienti con punteggi del performance status ECOG pari o superiori a 2 avevano in media una più ridotta sopravvivenza globale.
Il linfoma DLBCL primitivo refrattario e il linfoma trasformato erano correlati a una più ridotta sopravvivenza globale rispetto alla malattia recidivante, e al linfoma DLBCL de novo, rispettivamente.

Gli eventi avversi più comuni sono stati infezioni e citopenie.

Dai dati è emerso che il regime a base di Polatuzumab vedotin è un trattamento efficace e tollerato nel linfoma diffuso a grandi cellule B in forma recidivante / refrattaria. ( Xagena2020 )

Fonte: Leukemia & Lymphoma, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro