Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Predittori di efficacia, sicurezza e risposta molecolare di Ixazomib orale e Rituximab a breve termine nel linfoma non-Hodgkin indolente non trattato


I pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente ( iNHL ) a cellule B generalmente richiedono un trattamento ma hanno una sopravvivenza normale, sottolineando la necessità di terapie più semplici e sicure.

Gli inibitori del proteasoma mirano a percorsi di segnalazione aberranti all'interno del linfoma non-Hodgkin indolente e hanno tossicità gestibili.
È stato valutato l'inibitore orale del proteasoma Ixazomib ( Ninlaro ) come monoterapia iniziale e combinato con Rituximab, per il trattamento di prima linea del linfoma non-Hodgkin indolente.

I pazienti naive al trattamento con linfoma non-Hodgkin indolente che necessitavano di terapia hanno ricevuto Ixazomib orale 4 mg a settimana fino a progressione della malattia o eventi avversi inaccettabili.
Durante il mese 7 è stato aggiunto un ciclo di 4 settimane di Rituximab.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( ORR ) durante la finestra della monoterapia con Ixazomib.
Le correlazioni includevano il profilo dell'espressione genica e la risposta alla vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2.

In tutto 33 pazienti con linfoma follicolare ( FL ) ( n=20 ), linfoma della zona marginale ( n=7 ) e altri linfomi non-Hodgkin indolenti sono stati trattati con un follow-up mediano di 30.3 mesi.

Durante la finestra con Ixazomib di 6 mesi, il tasso di risposta globale è stato del 24%, compreso il 35% nel linfoma follicolare.

Il miglior tasso ORR durante l'intero periodo di studio è stato del 52% in generale e del 65% nel linfoma follicolare; la risposta completa è stata raggiunta rispettivamente nel 33% e nel 45% dei pazienti.
La durata mediana della risposta è stata di 25.8 mesi e i tassi di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e globale ( OS ) a 24 mesi sono stati del 51% e del 91%, rispettivamente.

Ixazomib è risultato ben tollerato.

La downregulation al basale dei geni del proteasoma PSMB9 ( P=0.03 ) e PSMB8 ( P=0.007 ) è stata associata alla risposta.

Tutti i pazienti valutati hanno generato anticorpi anti-S contro la vaccinazione SARS-CoV-2, con una mediana di 254.9 unità arbitrarie di legame per ml.

Ixazomib ha dimostrato l'efficacia da solo e con Rituximab a breve termine nel linfoma non-Hodgkin indolente non-trattato in precedenza, esibendo tossicità favorevole, convenienza e ritenzione della risposta immunitaria delle cellule B. ( Xagena2023 )

Graf SA et al, Blood Adv 2023; 7: 687-696

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro