Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Zanubrutinib in monoterapia per linfoma diffuso a grandi cellule B non del centro germinale recidivante o refrattario


Il sottotipo del linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) non-a-cellule B del centro germinativo ( non-GCB ) ha esiti clinici sfavorevoli.
Gli inibitori della tirosin-chinasi ( BTK ) di Bruton hanno stabilito un'attività terapeutica nei tumori maligni delle cellule B, con un'attività modesta nel linfoma DLBCL.

Zanubrutinib ( Brukinsa ), un potente e selettivo inibitore di BTK, è stato valutato in pazienti con DLBCL recidivante o refrattario ( R/R ) non-GCB.
Lo studio BGB-3111-207 era uno studio di fase 2 multicentrico a braccio singolo.

I pazienti hanno ricevuto Zanubrutinib orale due volte al giorno, 160 mg, fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( ORR ).
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la durata della risposta ( DOR ).
La sopravvivenza globale ( OS ) era un endpoint esplorativo.

41 pazienti sono stati arruolati in Cina dopo essere progrediti o non aver risposto alla terapia precedente.

Al cutoff dei dati, 4 pazienti hanno continuato il trattamento con 37 interruzioni.
Il follow-up mediano è stato di 6.8 mesi, il tasso ORR è stato del 29.3% e il tasso di risposta completa è stato del 17.1%.
La durata DOR, la sopravvivenza PFS e la sopravvivenza OS mediane sono state rispettivamente di 4.5, 2.8 e 8.4 mesi.

Eventi avversi che hanno portato all'interruzione del trattamento sono stati segnalati in 4 pazienti ed eventi avversi di grado maggiore o uguale a 3 sono stati riportati nel 48.8% dei pazienti.
Non sono state osservate emorragie maggiori, fibrillazione atriale e/o flutter atriale.

Zanubrutinib ha dimostrato una modesta attività antitumorale nel linfoma DLBCL non-GCB, come altri inibitori di BTK, nonché un profilo di sicurezza coerente con studi precedenti.

Attraverso il test retrospettivo dei biomarcatori, è stata osservata una potenziale attività antitumorale nei pazienti con mutazioni sia CD79B che MYD88, che hanno esiti inferiori all'immunochemioterapia.

Gli studi futuri di Zanubrutinib nel linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante / refrattario non-GCB si concentreranno sullo sviluppo di combinazioni di trattamenti basati su meccanismi e sulla selezione dei pazienti guidata da biomarcatori. ( Xagena2022 )

Yang H et al, Blood Adv 2022; 6: 1629-1636

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro