Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Zanubrutinib, risposte profonde e durature e un profilo di sicurezza favorevole nel linfoma mantellare recidivante / refrattario a un follow-up mediano di 35,3 mesi


L'inibizione della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) è un trattamento consolidato per il linfoma mantellare ( MCL ) recidivante / refrattario ( R/R ).

Zanubrutinib ( Brukinsa ), un inibitore altamente selettivo di BTK, è approvato per i pazienti con linfoma mantellare ( MCL ) che hanno ricevuto in precedenza una o più terapie.

Sono stati riportati i risultati di sicurezza ed efficacia a lungo termine dello studio multicentrico, in aperto, di registrazione di fase 2 di Zanubrutinib.

I pazienti ( n = 86 ) hanno ricevuto Zanubrutinib per os 160 mg due volte al giorno.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( ORR ), valutato secondo Lugano 2014.

Dopo un follow-up mediano di 35,3 mesi, il tasso di risposta globale è stato dell'83,7%, con il 77,9% che ha ottenuto una risposta completa ( CR ); la durata mediana della risposta non è stata raggiunta.

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) è stata di 33,0 mesi ( intervallo di confidenza al 95% [ IC ], 19,4-NE ).

I tassi di sopravvivenza libera da progressione a 36 mesi e di sopravvivenza globale ( OS ) sono stati rispettivamente del 47,6% ( IC 95%, 36,2-58,1 ) e del 74,8% ( IC 95%, 63,7-83,0 ).

Il profilo di sicurezza è rimasto sostanzialmente invariato con un follow-up esteso.
Gli eventi avversi di tutti i gradi più comuni ( 20% o più ) sono stati diminuzione della conta dei neutrofili ( 46,5% ), infezione del tratto respiratorio superiore ( 38,4% ), eruzione cutanea ( 36,0% ), diminuzione della conta dei globuli bianchi ( 33,7% ) e della conta piastrinica ( 32,6% ).
Nella maggior parte dei casi gli eventi erano di grado 1/2.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore più comuni ( maggiori o uguali al 10% ) sono stati: diminuzione della conta dei neutrofili ( 18,6% ) e polmonite ( 12,8% ).
I tassi di infezione, neutropenia e sanguinamento sono stati più alti nei primi 6 mesi di terapia e successivamente sono diminuiti.

Non sono stati segnalati casi di fibrillazione atriale / flutter atriale, eventi avversi cardiaci di grado 3 o superiore, seconde neoplasie primarie o sindrome da lisi tumorale.

Dopo un follow-up prolungato, Zanubrutinib ha dimostrato risposte durature e un profilo di sicurezza favorevole nel linfoma a cellule mantellari recidivante / refrattario. ( Xagena2022 )

Song Y et al, Blood 2022; 139: 3148–3158

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro